Agosto 13, 2020

Museum of Cham Sculpture - Da non perdere nella città di Danang, Vietnam

Il Museo Cham di Danang è la più grande collezione di sculture e opere d'arte Cham al mondo. Ogni volta che visiti il ​​museo, percepisci ancora un'atmosfera individuale particolare di questo luogo, la fantasticheria delle reminiscenze.

Situato in una zona tranquilla della città di Da Nang, il Museo Cham fu costruito nel 1915 secondo i motivi dell'antica architettura Cham. Inizialmente fu chiamato Museo Henry Parmenides.

Il museo è ufficialmente noto come il Museo della scultura Champa. Il regno di Champa (o Lin-yi nei registri cinesi) controllava l'attuale Vietnam meridionale e centrale da circa 192 al 1697. L'impero iniziò a declinare alla fine del XV secolo, divenne uno stato vassallo vietnamita nel 1697 e fu infine sciolto nel 1832.


Attualmente, il museo ospita 297 opere scultoree in pietra e terracotta realizzate tra il VII e il XV secolo. Queste sono opere impressionanti tipiche della cultura Cham.

Una breve storia della Champa

Secondo le cronache cinesi, il regno di Champa fu fondato nel 192 d.C. e aveva nomi diversi come Lin-Yi, Huang-Wang e Chang-Chen. I suoi territori si estendevano dal sud del passo Ngang nella provincia di Quang Binh fino alla zona delta del fiume Dong Nai nella provincia di Binh Thuan. Comprendeva le pianure costiere, gli altopiani e le catene montuose.


Influenzato dalla prima civiltà indù, il regno di Champa era una federazione di diversi stati minori chiamati Mandala e comprendeva diversi gruppi etnici.

L'eredità più importante del regno di Champa si trova nel Vietnam centrale sotto forma di templi e torri in mattoni che sono sparsi sulle pianure costiere e sugli altipiani. Le strutture risalgono al periodo compreso tra il VII e l'VIII e il XVI e il XVII secolo e sono concentrate a Quang Nam, Danang, Binh Dinh, Khanh Hoa, Ninh Thuan e Binh Thuan.

La più vasta collezione di arte Cham al mondo ...


Il Museo Cham è stato costruito in stile architettonico Cham, utilizzando linee sottili che sono semplici e delicate. Il museo espone una collezione intensa e diversificata di sculture Champa che vanno dal VII al XV secolo, quando prevaleva una società matriarcale. [Scultura nel Museo di Cham]

Il museo fu istituito alla fine del XIX secolo dall'Ecole Francaise d'Extreme Orient con una collezione di reperti raccolti nel Vietnam centrale, da Quang Binh a Binh Dinh. Sono stati quindi esposti a Le Jardin de Tourane su una piccola collina vicino al fiume Han. Questo è il sito del presente museo. L'edificio è stato progettato da due architetti francesi, Delaval e Auclair, a imitazione degli aspetti più comunemente usati delle torri e dei templi di Champa.

Allo stato attuale, il museo espone circa 300 sculture in arenaria e terracotta, tra cui alcune realizzate in terracotta. La maggior parte dei manufatti sono capolavori dell'arte Champa e alcuni sono considerati uguali alle opere in qualsiasi parte del mondo. Le sculture sono state raccolte dai templi e dalle torri di Cham in tutto il Vietnam centrale, in particolare l'area che si estende da Quang Binh a Binh Thuan. Tutte le sculture sono esposte in dieci showroom che prendono il nome dalle località in cui sono stati scoperti i pezzi.

Dopo aver visto i pezzi negli showroom, puoi visitare mostre esterne. Le arti del Champa erano principalmente sculture, ma le sculture sono solo una parte dell'architettura religiosa. I templi e le torri stessi sono considerati artefatti scultorei. Sono decorate all'esterno delle pareti in mattoni con colonne in bassorilievo, fiori e foglie e figure adoranti tra pilastri di mattoni. Il timpana, gli architravi e gli elementi ornamentali angolari sono di arenarie scolpite con figure di divinità, animali santi degli indù e fiori e foglie.

I reperti esposti nel museo sono altari, statue e opere decorative raccolte da templi e torri indù e buddisti. La scultura Champa mostra vari stili. A volte sono stati influenzati da altre culture ma non importa in quale periodo o in che stile sono stati realizzati i manufatti Champa hanno sempre mostrato caratteristiche originali.

I visitatori del museo avranno l'opportunità di apprezzare gli otto secoli di evoluzione della scultura Champa dal suo periodo d'oro al suo declino. A modo loro, i manufatti esemplificano l'ascesa e la caduta della civiltà Champa. Quando siamo di fronte a questi capolavori artistici possiamo comprendere l'ideale più nobile dell'arte, la creazione dell'infinito dal finito. Gli otto secoli di arte al museo Champa sono un folto libro di storia che riflette gli alti e bassi dell'arte di Champa? Dalle pietre inanimate proviene l'arte vivente e da questi meravigliosi inestimabili manufatti possiamo avere la sensazione che il calore della mano degli artisti Champa sia ancora lì, sulla pelle sottile della pietra senza tempo.

Le sculture qui esposte hanno quasi la stessa vita alla deriva del destino della cultura un tempo gloriosa che le ha generate. Attraverso le rovine del tempo, della guerra e persino dell'oblio, tali sculture originali Champa sono state appena raccolte e portate qui da molte generazioni umane. E in questa raccolta sistematica, queste opere degli antichi artisti Champa hanno di nuovo una nuova vita.

Venendo a visitare il museo, sembra che tu possa rivedere il tempo glorioso del passato di una nazione per la quale sia la passione per l'arte che il talento creativo erano già ad un livello molto alto.Il misterioso mondo delle divinità, le leggende pittoriche, i simboli religiosi, le linee curve dei corpi delle ragazze danzanti, le caratteristiche del seno pieno e gonfio, i sorrisi di un tempo vago, tutti questi sono mostrati molto vivaci e dettagliatamente .

L'arte di Champa, sebbene influenzata dai temi indù dell'India e del sud-est asiatico, ha molti elementi che la rendono distintiva. I templi di Champa erano fatti di mattoni. Di conseguenza, gli artisti non avevano lunghe distese di pareti da decorare con bassorilievi raffiguranti epopee indù o fasi della vita buddista, come ad esempio visto ad Angkor Watt. I Chams incorporarono le loro sculture nella loro architettura del tempio scolpendole separatamente e rendendole parte della costruzione. Queste sculture sono classificate in quattro gruppi principali: icone; piedistalli; frontoni; Frammenti di decorazioni architettoniche alla base o su vari legami del tempio.

Profondamente influenzato dall'architettura e dalla scultura della civiltà indiana, l'antica Champa ha una visione della vita e della religione secondo i propri sentimenti. Tale rifrazione ha portato nel loro mondo dell'arte una bellezza sottile e distinta: spirituale e molto vicina, unica e familiare ...