Agosto 13, 2020

Burning Man 2011 - I Was Wrong

Penguin è un mio amico.

Penguin ha una grande testa.

Una testa fisicamente grande.


Questa testa ospita un grande cervello.

Il cervello ospita molte parole.

Di conseguenza Penguin parla molto.


Se a Penguin non piace qualcosa, te lo dice.

Se a Penguins piace qualcosa, te ne parla anche, forse più che se la reazione è negativa.

In effetti sicuramente.


L'anno scorso Penguin è andato a Burning Man per la prima volta.

Non credo che a Penguin sia mai piaciuto di più.

Per nove mesi Penguin mi ha raccontato di quanto fosse stato bravo Burning Man. Man mano che la sua parola cresceva, il suo messaggio cominciò a cambiare 'era così buono' per 'Penso che ti piacerà Pedro, davvero'.

Questo messaggio è continuato, crescendo in forza e volume col passare del tempo.

Quando ho lasciato il paese per iniziare i miei viaggi, ha assunto un collega avvocato che viveva nella mia prima fermata per continuare la dolce persuasione.

Quando ho lasciato Siviglia (la prima fermata) avevo già iniziato a allacciarmi.

A Budapest mi ero spezzato, quella poca forza di volontà che possiedo lo chiamava smettere.

Ho prenotato il biglietto, ho prenotato il volo

Normalmente farei fatica a pronunciare le parole necessarie e appropriate per confermare la correttezza di Penguin.

In questo caso non potevo ringraziarlo abbastanza per il suo incessante rumore.

Ho letto innumerevoli articoli e blog su come i non-bruciatori non avrebbero mai capito cosa fosse partecipare a una masterizzazione. Mi piacerebbe dire che non avevano ragione; Mi piacerebbe dire che erano eccessivamente amati dagli americani appassionati. Mi piacerebbe dire che il mio naturale cinismo e realismo si sono dimostrati estremamente accurati. Che mentre Burning man era buono, non erano stati i sette giorni di brillantezza onnicomprensivi che erano stati pubblicizzati. Purtroppo mi sbagliavo.

Profondamente sbagliato, così felicemente sbagliato, così gravemente sbagliato, eppure così felice di essere tale.

Le settimane che precedono il Burn sono state un lampo di e-mail

"Dovremmo fare Hexayurts"

"Anche quest'anno creeremo rastrelliere per biciclette"

"Pedro, ci abbiamo segnato per i primi due turni di barra"

"Oh, e stiamo preparando la cena la prima notte ... per 25 persone"

Entro due settimane ero stato volontario o mi ero proposto di far parte del servizio di costruzione, ristorazione e fornitura di bevande alcoliche. Mentre le e-mail brulicavano, fu chiaro che non era semplice "Vai su un grande campo con una tenda" tipo di festival.

Questo è stato serio, e per di più, rappresentavo Penguin.

Mi aveva invitato, aveva messo le chiamate necessarie nelle persone vitali, aveva spiegato verbalmente chi ero e perché sarei stato un vantaggio, o almeno un divertente casino aggiuntivo. Questo è stato un caso di orgoglio nazionale e sociale.

Mentre raggiungevo il punto d'incontro nel distretto missionario di San Francisco, ero pronto a attrezzare e contribuire alla causa, nonostante una punta rotta sostenuta fuggendo da un ragno ... la porta, Samwise.

Avrei imparato che Sam aveva una distorsione alla caviglia e che in qualche modo era diventato responsabile di tutte le cose che dovevano essere costruite nei prossimi quattro giorni. Ciò includeva la realizzazione di quattro portabiciclette, tre hexayurt, oh e la conferma che i freni della macchina d'arte erano riparati e che Eliot aveva raccolto in sicurezza.

Che cazzo è un'auto d'arte? E perché cazzo fa il bambino di E.T. vuoi venire a prenderlo?

Non ho messo in discussione nulla. Ho praticato buchi, avvitato viti e messo chiodi liquidi su qualsiasi cosa senza un accento irlandese o antipode. Ho diretto un tedesco difficile (una forza della natura che non avrei mai potuto realizzare a quel punto) e un gentile spagnolo per tagliare ampie strisce di pannelli isolanti mentre mi chiedevo chi fosse il ragazzo irlandese jetlag.

Di tanto in tanto barcollava al piano di sotto borbottando come un degenerato. La sera si presentava un tipo con i capelli bianchi decolorati che iniziava a agitarsi su cavi elettrici e batterie. Di tanto in tanto si fermava a parlare con Eliot in un dialetto ingegnere elettrotecnico molto raro; Ho tenuto la testa bassa e ho controllato le mie riserve di Liquid Nails. I giorni raramente finivano prima delle 2 del mattino e una zattera di visitatori chiamava dappertutto. Coppie australiane con birra, un'infermiera australiana DJ, non partecipanti irlandesi e una cagna autoproclamata della città. Tutti con i loro consigli e storie come distintivi d'onore.

Il mio ospite sivigliano arrivò presto, gettando la sua presto ombra famosa sui marciapiedi californiani. Fu seguito da vicino da Penguin. Chi stava inciampando positivamente sull'eccedenza di prosa eccitata che sgorgava dalla sua bocca. Uno spettacolo benvenuto se mai ci fosse.

Eccitabili canadesi arrivarono in branco, una Porsche alla guida della falegnameria prese il controllo della sega circolare. E con mio grande stupore c'era persino un loquace, intelligente uomo con la barba di Brooklyn, quali altre meraviglie poteva sollevare questo posto?

Non avevamo ancora lasciato la California.

Ecco perché Burning Man è difficile da spiegare, la preparazione, la partecipazione e la fusione. Non si tratta di cinquantamila persone che scendono dai loro volti nel deserto; sono circa cinquantamila le persone che trascinano le loro creazioni fatte in casa in un paio di stati e le mettono nella sabbia per far divertire tutti gli altri.

Per me personalmente, un gruppo di venticinque persone costruisce il proprio bar e alcune rastrelliere per biciclette in modo che possano nutrire le persone con mojito tutto il giorno. Una piccola famiglia delinquente composta da dodici nazionalità che martellava con paletti di armature e si complimentava a vicenda con le pellicce. Alcuni facevano musica, altri facevano rastrelliere per biciclette, alcuni avevano palline blu, altri amplificatori collegati e altri correvano nudi assicurandosi che tutti avessero un sandwich.

Questo è quello che è diventato per me ed è per questo che torno indietro. Migliaia di campi tutti cercano di rendere tutti più felici e un po 'più propensi a tornare l'anno prossimo.

Potrei scrivere di più su quello che è successo quando eravamo davvero lì, ma non avrei mai potuto rendergli giustizia, resta da dire;

Grazie Penguin, grazie DeMenthians e grazie DeMentha.

Ci vediamo a Capp Street l'anno prossimo.

Articolo di viaggio condiviso da ReborKoala
www.rebornkoala.com



An Idiot's virgin Burning Man experience (Agosto 2020)